Un uomo qualunque

Una volta era tutto più facile: un uomo sapeva cosa volesse dire essere un uomo. Reagiva davanti alle cose sbagliate, aveva il diritto di farlo, anzi, era scontato che lo facesse. Lo stile di vita e i continui confronti in qualche modo preparavano agli inevitabili conflitti: quelli che possono portare al disgregamento o alla morte.

Poi è successo qualcosa: abbiamo oltrepassato la decenza. Gli avvocati sono diventati i nostri pastori e ciò che un tempo era comprensibile e lineare si è intorbidito nella burocrazia di ciò che definiamo “civilizzazione”.

Ora non si reagisce più davanti alle cose sbagliate: si bivacca nei tribunali macinando chilometri di cavilli burocratici. La donna ha chiesto la parità e alla fine l’ha ottenuta. Non conquistando tutti i privilegi dell’uomo, ma castrandolo in una sagoma femminile.

Non mi importa cosa dite: questo non è progresso e non è neanche evoluzione. E’ una malattia e c’è bisogno di qualcuno che capisca qual è la posta in gioco, qualcuno che possa esporsi come un vero uomo e prendere posizione contro l’ingiustizia di questo mondo. Oggi. Adesso. Prima di pranzo.

Arriva il momento in cui i malati e i deboli devono essere sacrificati per salvare il gregge?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: